atleti

sci alpino

Principali infortuni

Nello sci e negli sport invernali come sci di fondo, discesa libera, slalom, snowboard, oltre alle distorsioni al ginocchio sono più comuni le fratture di tibia e fratture dei polsi (soprattutto negli snowboarders, che tendono a cadere in avanti proteggendosi istintivamente con le mani) e il trauma cranico.

 

 

Alimentazione dell'alpinista

Lo sci di fondo è uno sport di resistenza, in cui è importante avere a disposizione una buona scorta di glicogeno epatico, che si trasforma in glucosio e quindi in energia, durante l’attività.

Per questo l’alimentazione abituale deve prevedere una quota adeguata di carboidrati complessi. I pasti precedenti alla sessione di allenamento o alla competizione devono essere particolarmente ricchi in carboidrati complessi e accompagnarsi ad una riduzione nell’intensità dell’allenamento. Il pasto precedente all’attività deve avere caratteristiche tali da far sì che l’organismo non sia più impegnato nei processi digestivi quando inizia la sessione; può essere inserito un piccolo spuntino poco prima della sessione per prevenire il calo degli zuccheri nel sangue. Anche il pasto post gara dovrà garantire un rapido recupero in termini di idratazione e di riserve energetiche.