lo sapevi che

12 BUONI MOTIVI per NON FARE le DIETE DIMAGRANTI COMMERCIALI

12 BUONI MOTIVI per NON FARE le DIETE DIMAGRANTI COMMERCIALI nel senso convenzionale del termine (poche calorie, tante proteine e pochi carboidrati):

1. non sono gestibili nel lungo periodo e paradossalmente diventano ingrassanti
2. abbassano il metabolismo con conseguente recupero dei chili
3. compromettono la composizione corporea perchè i chili persi interessano principalmente l’acqua, i muscoli e solo in parte il grasso
4. preparano il campo alla perdita di controllo e quindi all’ ”abbuffata”
5. nei soggetti predisposti possono far scatenare anoressia, bulimia e il binge eating disorder
6. espongono a danni renali, epatici, tiroidei e del sistema nervoso
7. più diete si fanno e più si fa fatica a perdere peso
8. provocano irritabilità, disturbi del sonno, disturbi dell’umore
9. All'inizio provocano euforia, ma poi le restrizioni non sono più gestibili e provocano disturbi del comportamento alimentare
10. Dimagrire, ingrassare, dimagrire di nuovo, recuperare infine abbondantemente tutti i chili persi: questo è quello che succede nel 95% dei casi
11. Si abbassano i livelli di serotonina con conseguente instabilità dell’umore e bisogno di cibo dolce
12. Il fallimento dietetico provoca sensi di colpa, bassa autostima, scarsa efficacia e fallimento